regolamento
Art. 1
La Giuria dell’Accademia del Cinema Italiano - Premi David di Donatello, assegna 21 Premi David per il cinema italiano (film, regia, regista esordiente, sceneggiatura originale, sceneggiatura non originale, produttore, attrice protagonista, attore protagonista, attrice non protagonista, attore non protagonista, autore della fotografia, musicista, canzone originale, scenografo, costumista, truccatore, acconciatore, montatore, suono, effetti visivi VFX, documentario di lungometraggio) e un Premio David per il cinema straniero. Altre Giurie assegnano il David Giovani e il premio al miglior cortometraggio. Il premio al miglior documentario sarà votato da tutti i giurati su una selezione di 15 documentari, fatta da un Comitato ristretto (Art. 8).

Art. 2
Concorrono ai Premi David 2020 tutti i film di finzione italiani e stranieri usciti in Italia nel periodo 1° gennaio 2019 – 31 dicembre 2019, nelle sale cinematografiche. Possono concorrere anche i film con una tenitura minima di 3 giorni in caso di film programmati dalle sale cinematografiche con carattere di evento, in giorni diversi dal venerdì, sabato, domenica e giorni festivi.
Le candidature di ogni singola categoria e di ogni singolo film verranno indicate da produttori e/o distributori (come da Art. 10).
Termine ultimo, quindi, di uscita dei film nei circuiti commerciali il 31 dicembre di ogni anno

Art. 3
La Giuria dei Premi David di Donatello, la cui lista dei nomi è resa pubblica e consultabile sul sito web ufficiale dell’Accademia, è formata:
-dai Candidati e dai Premiati con il David di Donatello (aggiornati annualmente);
-dai componenti dell'Assemblea dei Soci, del Consiglio Direttivo dell’Accademia (l'organigramma è in rete e varia con l'avvicendarsi nelle presidenze degli enti fondatori);
-da rappresentanti di una specifica lista denominata “Cultura e Società”, ovvero esponenti di chiara fama o di riconosciuta competenza della cultura, del cinema e dell’audiovisivo in tutti i suoi ambiti, dell’organizzazione culturale, dell’arte e del giornalismo e da personalità di rilievo della società italiana, proposti dalla Presidenza dei David e dal Consiglio Direttivo.
I Giurati sono membri dell’Accademia del Cinema Italiano. Non tutti i membri dell’Accademia sono però giurati.
I Giurati e gli Accademici sono nominati a tempo indeterminato, tenuto conto dei ruoli professionali e istituzionali e della loro durata.  Nel caso però di eventi, accadimenti e/o comportamenti ritenuti lesivi della serietà e della dignità dell’istituzione potranno essere prima sospesi e poi revocati per sempre dal loro mandato.
I Giurati verranno congelati qualora non dovessero votare due volte di seguito. Decadono in questo caso dal loro mandato pur rimanendo membri dell’Accademia. Potranno tornare a far parte della Giuria, previa richiesta scritta e sottoposta all’approvazione del Consiglio Direttivo. Le richieste non potranno essere accolte quando sono in atto le votazioni in quanto il Notaio incardina il database.
Ogni nuova ammissione deve essere registrata e approvata da Presidenza e Consiglio che la verbalizzerà e consegnerà al Notaio che garantirà nuove richieste, ammissioni ed eventuali rinunce. Si procederà così di default ad attuare la vigente normativa sulla privacy.
Ogni cambiamento significativo di ruolo professionale di Giurati ed Accademici dovrà essere tempestivamente segnalato per opportuna verifica e successive modifiche.

Art. 4
Le designazioni e le assegnazioni dei Premi David di Donatello sono decise dalla Giuria con voto personale e segreto -in nessun caso si accetteranno voti da terzi- con le modalità e nei diversi tempi come qui si seguito riportato:

Una prima volta

  1. Attori e attrici, autori della fotografia, musicisti, scenografi, costumisti, truccatori, acconciatori, montatori, operatori del suono, effetti visivi VFX, che sono stati candidati o hanno vinto un premio David, voteranno, esprimendo obbligatoriamente 3 preferenze, per miglior film, migliore regia, miglior regista esordiente, migliore attrice protagonista, migliore attore protagonista, migliore attrice non protagonista, migliore attore non protagonista, migliore film straniero, miglior documentario e per la propria categoria di appartenenza.

  2. Registi, sceneggiatori e produttori, nonché i Soci della Fondazione e i membri del Consiglio Direttivo, voteranno, esprimendo obbligatoriamente 3 preferenze, per miglior film, miglior regia, miglior regista esordiente, migliore sceneggiatura originale e non, miglior produttore, migliori attori e  attrici protagonisti e non, migliore autore della fotografia, migliore musicista, migliore canzone originale, migliore scenografia, migliore costumista, migliore truccatore, migliore acconciatore, migliore montatore, miglior suono, migliori effetti visivi VFX, miglior documentario, miglior film straniero.

  3. I rappresentanti della lista "cultura e società" – destinata a valorizzare i protagonisti dell'intera filiera audiovisiva non appartenenti alle categorie dei candidati e vincitori (vedi Art. 3) - voteranno, esprimendo obbligatoriamente 3 preferenze, per miglior film, migliore regia, miglior regista esordiente, migliore attrice protagonista, migliore attore protagonista, migliore attrice non protagonista, migliore attore non protagonista, migliore film straniero, miglior documentario.
Per ogni categoria di premio, i giurati dovranno esprimere obbligatoriamente tre voti di pari coefficienza. Selezionando nella scheda di votazione -come predisposto- i titoli dei film, automaticamente vengono votati coloro che sono stati inseriti nella suddetta categoria dalla produzione del film che ha compilato la scheda.  Fanno eccezione le quattro categorie di interpreti (attrici e attori protagonisti e non) per le quali si dovranno esprimere 3 preferenze nominali, da assegnare ognuna ad un interprete. Solo nel caso di interpreti che si propongano abitualmente in coppia o in trio si vota la coppia o il trio. Le candidature saranno formate dai cinque film che raccoglieranno il maggior numero di preferenze.

Una seconda volta

Sulla base delle cinquine così ottenute, i giurati di cui al punto a-b- e c- voteranno per l’assegnazione di tutti i Premi David ad eccezione di quello al miglior cortometraggio (vedi Art.8), al miglior film straniero (vedi Art.9), e del David Giovani (vedi Art.11). Per ogni categoria si potrà esprimere un solo voto.

Art. 5
Il miglior regista esordiente non può essere votato anche come migliore regista.
Nei casi di co-regia, di cui uno degli autori sia esordiente, prevale il regista non esordiente e il film concorre al premio come migliore regia.
Non possono assegnarsi premi ad attori italiani e stranieri che siano stati doppiati, le produzioni non potranno quindi inserirli nelle schede tecniche.
I premi devono essere ritirati personalmente, non si possono delegare altre persone al ritiro del Premio nel corso della cerimonia di consegna.
Si invitano i produttori dei film girati in lingua straniera a sottoporre anche questa versione sul sito in streaming insieme a quella doppiata in italiano per dar modo alla Giuria di considerare il suono nella sua forma originale.
Nel caso di film di animazione, gli attori doppiatori non possono essere inseriti nel campo attori, così come non è possibile inserire i campi Costumista, Truccatore e Acconciatore.
Nel caso di film di animazione, nel campo “fonico di presa diretta” va inserito il coordinatore del suono.
Il Premio alla Miglior Scenografia, sarà assegnato allo scenografo.
Per il premio al miglior suono presenzieranno alle cerimonie: i rappresentanti del suono in presa diretta (fonico e microfonista), un rappresentante del montaggio del suono, un rappresentante della creazione dei suoni e un rappresentante del mix. Il premio sarà ritirato dal Fonico di Presa Diretta, fermo restando che detti rappresentanti potranno accompagnare il fonico sul palcoscenico. Il Fonico sarà l’unico titolato ad entrare a far parte della Giuria.
Per la categoria effetti digitali, che dal 2019 è stata ridenominata Migliori Effetti Visivi VFX, le produzioni dovranno indicare sulla scheda d’iscrizione solo la figura del Supervisore agli Effetti. Il Supervisore indicato sarà l’unico titolato a presenziare alle cerimonie e ad entrare a far parte della Giuria in funzione della candidatura ricevuta. Il Premio sarà ritirato dal Supervisore.
La canzone originale deve avere un testo ed una interpretazione canora, non può essere solo strumentale.

Art. 6
Per Sceneggiatura originale si intende una sceneggiatura ideata e scritta appositamente per il cinema, quindi non basata su materiali già prodotti o pubblicati. Sono considerate originali anche le sceneggiature tratte da fonti e materiali non depositati né riconducibili ad un autore, e le sceneggiature di sequel e/o prequel di opere originali già prodotte.
Per Sceneggiatura non originale si intende una sceneggiatura basata su materiali già prodotti o pubblicati (film, serie TV, romanzi, racconti, opere teatrali). Nel caso in cui la sceneggiatura utilizzi una percentuale superiore al cinquanta per cento di elementi già pubblicati, anche se rielaborati e/o di dominio pubblico, è considerata non originale.
Art. 7
Nel caso si risulti candidati per più di un film nella medesima categoria, si entra in cinquina solo con il film per il quale si è ottenuto il maggior numero di voti.

Art. 8
Il Premio David di Donatello per il miglior cortometraggio italiano è assegnato da una apposita Giuria - nominata dal Presidente con apposito regolamento - che nel corso della conferenza stampa di annuncio delle candidature, comunica la cinquina e contestualmente il vincitore.
Il Premio David di Donatello per il miglior documentario di lungometraggio sarà votato da tutta la Giuria che dovrà visionare sulla piattaforma video dedicata (https://video.daviddidonatello.it/) una rosa di 15 documentari preselezionati dal Comitato ristretto, nominato dal Presidente dell'Accademia, che opera con apposito Regolamento. Si voterà così, come in passato, per l’individuazione di una cinquina nella prima fase di votazione e poi di un vincitore nella seconda fase delle votazioni. Il Comitato ristretto nominato dal Presidente dell’Accademia sarà in carica per due anni, composto da 7 membri con equilibrio anagrafico e di genere, e la presenza di almeno 3 esperti nel cinema documentario. Si precisa che potranno utilizzare e pubblicare la dizione candidato al Premio David di Donatello solo i cortometraggi e i documentari che saranno selezionati in cinquina.
I componenti le due commissioni non potranno in alcun modo e con alcun titolo essere coinvolti nella realizzazione dei cortometraggi e/o dei documentari in concorso.

Art. 9
Il Premio David di Donatello per il Cinema Straniero è destinato al miglior film straniero distribuito in Italia. Per favorire la presenza del regista alla cerimonia, verrà considerato vincitore il film che avrà ottenuto il maggior numero di voti già nella prima fase di votazione.

Art. 10
DAVID SPECIALI
I David Speciali vengono designati da Presidenza e Consiglio Direttivo. Si potranno assegnare fino a tre David Speciali con motivazione.
DAVID DELLO SPETTATORE
Introdotto nell’edizione 2019 intende manifestare l’attenzione e il ringraziamento dell’Accademia ai film e agli autori che hanno fortemente contribuito al successo industriale dell’intera filiera cinema. Il riconoscimento andrà al film italiano, uscito entro il 31 dicembre, che avrà totalizzato il maggior numero di spettatori e presenze calcolate entro la fine di febbraio. Il riconoscimento, che verrà consegnato al cast del film, non dà diritto ad entrare nella Giuria dei votanti del David.

Art. 11
Il premio "David Giovani" è destinato al miglior film italiano, scelto e votato con apposito Regolamento da una Giuria nazionale di 3.000 studenti degli ultimi due anni di corso delle scuole secondarie di II grado.
I film in concorso verranno visionati tramite una piattaforma Premi David di Donatello e in sala, in base ad un accordo tra le scuole e l’esercente locale di riferimento. Ogni regione italiana può essere rappresentata da una o più sedi di Giuria. Le proiezioni in sala per i giovani giurati sono a titolo gratuito.
La selezione dei 30 film proposti per l’edizione 2020 copre l’arco della produzione di tutto l’anno 2019 (1° gennaio – 31 dicembre) ed è stabilita in sinergia tra Agiscuola, Presidenza e Consiglio Direttivo dell’Accademia del Cinema italiano.  La votazione finale avviene per via telematica.

Art. 12
E’ importante che i giurati si tengano aggiornati sulle uscite in sala dei film italiani, e stranieri, nel corso della stagione cinematografica. L’Accademia, in tempo utile per le votazioni, comunica in rete sul sito www.daviddidonatello.it ad uso della Giuria, la lista completa della produzione con tutte le liste e le schede dei film usciti.  Inoltre con cadenza settimanale sarà inviata una newsletter con le locandine e i trailer dei film italiani in uscita nelle sale.
Grazie allo username e alla password personale i giurati potranno visionare in streaming, criptato e codificato sul sito del David, i film che i produttori inseriranno per la programmazione.
Sono previste inoltre proiezioni dei film in concorso riservate ai giurati presso le sale ANEC e ANICA di Roma.
Il voto potrà essere espresso solo per via telematica. Le informazioni per la votazione saranno inserite come testo nella eMail personalizzata che arriverà a tutti i giurati.

Art. 13
Le schede tecniche relative ad ogni film, compilate da produttori e/o distributori, dovranno pervenire all'Accademia entro il 10 dicembre 2018. I giurati potranno votare (per ovvi motivi tecnici) solo quanto indicato dalle produzioni nelle schede per ogni categoria.  Si sottolinea come sia possibile per la produzione indicare tutti i nomi che ritengono giusti nello spazio riservato per ogni categoria, nel rispetto del lavoro di tutti, del billing e per evitare spiacevoli omissioni. Altresì si raccomanda la massima attenzione e precisione nella compilazione delle schede che oltre il 10 dicembre di ogni anno non potranno più essere modificate in quanto verranno dal Notaio incardinate per le votazioni.

Art. 14
I film in cinquina potranno utilizzare il logo ufficiale dell'Accademia su tutti i supporti promozionali legati alla loro diffusione.  I film vincitori di un Premio David DEVONO riportare l'indicazione del riconoscimento ottenuto, citandolo in tutta l'attività promozionale correlata.

Art. 15
Si ricorda che il Notaio dell’Accademia trattiene per dodici mesi presso i suoi uffici le schede scrutinate a disposizione della Giuria. Il Notaio sarà inoltre il depositario dell’archivio e dell’anagrafica dei votanti (istituita a partire dal 2019, soggetta alle normative sulla privacy) al fine di certificare e garantire una corretta entrata ed uscita degli appartenenti alla Giuria, di qualsiasi categoria o commissione.
Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento, fa testo lo Statuto dell’Accademia.


REGOLE DI ATTRIBUZIONE DEI PREMI DAVID DI DONATELLO

I premi David di Donatello da assegnarsi annualmente sono:
ventuno Premi per il cinema italiano,
un Premio per il miglior cortometraggio;
un David Giovani
un Premio per il Cinema Straniero.

I ventuno premi David di Donatello per il cinema italiano votati dalla Giuria dell'Accademia sono destinati:
al miglior film;
alla migliore regia;
al migliore regista esordiente;
alla migliore sceneggiatura originale;
alla migliore sceneggiatura non originale;
al miglior produttore;
alla migliore attrice protagonista;
al migliore attore protagonista;
alla migliore attrice non protagonista;
al migliore attore non protagonista;
al migliore autore della fotografia;
al migliore musicista;
alla migliore canzone originale;
alla migliore scenografia;
al migliore costumista;
al migliore truccatore;
al miglior acconciatore;
al migliore montatore;
al miglior suono;
ai migliori effetti visivi VFX;
al miglior documentario.

DIVISIONE CANDIDATI E PREMIATI NELLE CATEGORIE
Produttore: comprende i nominati come miglior produttore e miglior film;
Regista: comprende i nominati per miglior regia, miglior regista esordiente, miglior cortometraggio, miglior documentario e David Giovani;
Attore/Attrice: comprende i nominati al David per migliore attrice protagonista, migliore attrice non protagonista, migliore attore protagonista, migliore attore non protagonista;
Sceneggiatura: comprende i nominati miglior sceneggiatura originale e migliore sceneggiatura non originale;
Autore della fotografia: comprende i nominati come migliore autore della fotografia;
Musiche: comprende i nominati per miglior musicista e per migliore canzone originale;
Scenografia: comprende i nominati come miglior scenografo;
Costumi: comprende i nominati come miglior costumista;
Trucco: comprende i nominati come miglior trucco;
Acconciatura: comprende i nominati come miglior acconciatore;
Montaggio: comprende i nominati come miglior montatore;
Suono: comprende i nominati come miglior suono (i.e. la presa diretta, il microfonista, il montaggio, la creazione dei suoni ed il mix) fino al 2018 e il solo fonico di presa diretta dal 2019;
Migliori Effetti Visivi VFX: comprende i nominati come effetti digitali fino al 2018 e un solo Supervisore agli Effetti dal 2019

DAVID SPECIALI
Il Consiglio Direttivo potrà assegnare fino a 3 David Speciali con motivazione.
Il David dello Spettatore sarà consegnato al cast del film che, sulla base dei dati forniti da Cinetel, avrà collezionato il maggior numero di spettatori e presenze calcolate entro la fine di febbraio.

CONSEGNA DEI PREMI DAVID DI DONATELLO
I Premi David di Donatello, che consistono in una riproduzione del David scolpito da Donatello, debbono essere ritirati di persona dai premiati nel corso delle manifestazioni indette dall’Accademia e destinate alla consegna.
Il Premio David per il miglior film italiano è consegnato al suo produttore.
In caso di impedimento, i David possono essere ritirati nel corso delle manifestazioni degli anni successivi o in altre manifestazioni appositamente indette dall’Accademia.
I produttori e i distributori i cui film siano stati premiati a qualsiasi titolo con i Premi David sono tenuti a fare menzione dell’attribuzione del Premio stesso in tutta la pubblicità e l'attività promozionale correlata alla vita del film e ad inserire ovunque possibile la riproduzione del David di Donatello.

PROGETTO SPECIALE - Premi Vittorio De Sica
Il Consiglio Direttivo dell’Accademia, d’intesa con l’Associazione Culturale Pangea ha facoltà di promuovere i Premi Vittorio De Sica per il cinema, la cultura, le arti, le scienze, lo sport e la società. Stante le condizioni economico-finanziarie, li assegnerà, con apposito Regolamento, un comitato nominato congiuntamente dalla Fondazione Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello, la Famiglia De Sica e l’Associazione Culturale Pangea.