statuto
ACCADEMIA DEL CINEMA ITALIANO - PREMI DAVID DI DONATELLO


COSTITUZIONE E FINALITA'

Art.1
E' costituita con sede in Roma, per iniziativa dell'AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo) e dell'ANICA (Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali), l'Accademia del Cinema Italiano – Premi David di Donatello; Premi Vittorio De Sica (nel seguito "Accademia").

Art.2
L'Accademia, che agisce senza alcuna finalità di lucro, ha lo scopo di favorire in Italia la conoscenza e la diffusione del miglior cinema stimolando le forme più adeguate di competizione nell'ambito della produzione cinematografica nazionale ed internazionale.

SOCI

Art.3
Può diventare Socio dell'Accademia chi condivide le finalità della stessa e ne faccia esplicita richiesta al Consiglio Direttivo, che delibera a suo insindacabile giudizio.

Il Socio che tenga un comportamento in contrasto con il presente statuto ed i regolamenti e con le finalità dell'Accademia o che ne danneggi gravemente l'immagine, può essere escluso dall'Accademia.
L'esclusione è deliberata dal Consiglio Direttivo.

Il diritto allo status di Socio è personale e non è in alcun modo trasferibile a terzi.

La qualità di Socio cessa a seguito di recesso che dovrà manifestarsi per via iscritta o a seguito di esclusione. Nessun diritto, anche patrimoniale, compete al Socio receduto o escluso, come pure nessun diritto compete ai suoi successori in caso di morte

ORGANI

Art.4
Sono organi dell'Accademia:

a- il Presidente;
b- il Consiglio Direttivo;
c- la Giunta;
d- il Segretario Generale;
e- l'Assemblea dei Soci;
f- il Collegio dei Revisori o il Revisore unico.

PRESIDENTE

Art.5
Il Presidente dell'Accademia è nominato congiuntamente dall'AGIS e dall'ANICA attraverso i propri organi; ha la legale rappresentanza dell'Accademia; convoca e presiede il Consiglio Direttivo e la Giunta e sottoscrive i verbali delle riunioni; convoca e presiede l'Assemblea dei Soci e sottoscrive i verbali delle riunioni; sovrintende al buon andamento dell'Accademia anche con funzioni di Direttore Artistico. L'organizzazione dell'Accademia è affidata al Presidente che, d'intesa con il Consiglio Direttivo, per attuare i suoi scopi istituzionali promuove una serie di manifestazioni cinematografiche - tra cui principalmente i riconoscimenti annuali denominati Premi David di Donatello - destinate ad illustrare la migliore e più recente produzione cinematografica di cui all'Art. 2). Il Presidente è autorizzato ad accedere ed operare su conti correnti bancari e richiedere, utilizzare e perfezionare fidi bancari.
Gian Luigi Rondi, attuale Presidente, è stato nominato Presidente a vita con delibera del Consiglio Direttivo in data 25 novembre 2009.

CONSIGLIO DIRETTIVO

Art.6
Il Consiglio Direttivo è composto da:

- il Presidente dell'Accademia;
- due Vice Presidenti Vicari che si identificano con i Presidenti pro- tempore dell'AGIS e dell'ANICA;
- due Vice Presidenti rappresentanti degli Autori e della Società Civile;
- un rappresentante degli Autori;
- il Direttore Generale pro- tempore per il Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, o un suo delegato;
- il Presidente pro-tempore dell'ANEC;
- un rappresentante dell'AGIS;
- il Presidente pro-tempore Sezione Produttori ANICA;
- il Presidente pro-tempore Sezione Distributori ANICA.

In caso di assenza o di impedimento tutte le funzioni del Presidente vengono svolte dal Vicepresidente più anziano d'età.

I membri del Consiglio Direttivo, con l'eccezione del Presidente attuale, eletto a vita, restano in carica per la durata di quattro anni e sono rieleggibili.

In caso di dimissioni di Consiglieri, il Consiglio Direttivo provvede alla loro sostituzione alla prima riunione. Nel caso si dimetta la metà più uno dei consiglieri, l'intero Consiglio Direttivo si intende decaduto e si procederà conseguentemente alla convocazione dell'Assemblea per l'elezione del nuovo Consiglio Direttivo.

Art.7
Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente per iscritto, anche via e-mail, telefax o telegramma, e con almeno 24 ore di preavviso, ogni volta che lo ritenga necessario oppure quando è richiesto da almeno un terzo dei consiglieri.

Art.8
Il Consiglio Direttivo:

a- coadiuva il Presidente dell'Accademia nell'attuazione degli scopi istituzionali, a mente dell'art.5;
b- propone modifiche allo Statuto;
c- predispone i bilanci annuali;
d- propone alla Giunta i Regolamenti delle Giurie dei premi David di Donatello e dei documentari e dei cortometraggi e ogni altro regolamento ritenuto utile per il miglior perseguimento degli scopi dell'Accademia;
e- delibera l'ammissione di nuovi soci;
f– nomina i Vicepresidenti dell'Accademia.

Spettano al Consiglio Direttivo i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione che non sono riservati, dalla legge e dal presente Statuto, alla Giunta o all'Assemblea. Il Consiglio Direttivo propone la destinazione degli utili e degli avanzi di gestione agli scopi istituzionali. E' in ogni caso vietata la distribuzione, anche in modo indiretto, di utili o avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Accademia, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

La carica di membro del Consiglio Direttivo è a titolo gratuito.

Art.9
Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide con la presenza di almeno la metà dei componenti in carica.
Le deliberazioni vengono prese a maggioranza dei presenti e in caso di parità prevale il voto di chi presiede la riunione.

GIUNTA

Art.10
La Giunta è composta da:

- il Presidente dell'Accademia;
- il Presidente pro-tempore dell'AGIS;
- il Presidente pro-tempore dell'ANEC;
- il Presidente pro-tempore della FICE;
- il Presidente pro-tempore dell'ANICA;
- il Presidente pro-tempore della Sezione Produttori dell'ANICA;
- il Presidente pro-tempore della Sezione Distributori dell'ANICA;
- otto (8) componenti designati dal Presidente pro- tempore dell'AGIS ;
- otto (8) componenti designati dal Presidente pro- tempore dell'ANICA ;
- quattro (4) componenti appartenenti alla categoria degli Autori eletti dall'Assemblea;
- il Direttore Generale pro- tempore per il Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, o un suo delegato;
- il Governatore pro- tempore della Regione Lazio, o da un suo delegato;
- il Sindaco pro- tempore di Roma, o un suo delegato;
- due (2) componenti appartenenti alla categoria della Società Civile eletti dall'Assemblea.

Per un totale di trentadue (32) componenti, che restano in carica per un quadriennio e possono essere riconfermati o rieletti.

Art.11
La Giunta è convocata dal Presidente per iscritto, anche via e-mail, telefax o telegramma, con almeno tre giorni di preavviso, ogni volta che lo ritenga necessario oppure quando lo richiedano almeno quattro componenti del Consiglio Direttivo.

Art.12
La Giunta :

- approva i Regolamenti proposti dal Consiglio Direttivo e ogni altro regolamento che ritiene utile per il migliore perseguimento degli scopi dell'Accademia;
- sovrintende alle scelte artistiche della cerimonia di premiazione dei premi David di Donatello;
- assegna i David Speciali;
- determina eventuali contributi di iscrizione o periodici a carico dei soci.

La carica di membro della Giunta è a titolo gratuito.

Art.13
Le riunioni della Giunta sono valide con la presenza di almeno la metà dei componenti in carica.

Le deliberazioni vengono prese a maggioranza dei presenti e in caso di parità prevale il voto di chi presiede la riunione.

ASSEMBLEA DEI SOCI

Art.14
L'Assemblea dei Soci è composta da:

- il Presidente dell'Accademia;
- il Presidente dell'AGIS e quattro rappresentanti dell'AGIS;
- il Presidente dell'ANICA e quattro rappresentanti dell'ANICA;
- quattro rappresentanti degli Autori;
- quattro rappresentanti della Società Civile.

La composizione della prima assemblea successiva all'approvazione del presente Statuto è stabilità dalle norme transitorie.

La quota e/o gli eventuali contributi associativi a carico dei Soci, non sono trasmissibili né rivalutabili.

Art.15
L'Assemblea dei Soci:

a – approva lo Statuto e le sue modifiche;
b- elegge i componenti del Consiglio Direttivo;
c- nomina i componenti elettivi della Giunta;
d- approva i bilanci annuali predisposti dal Consiglio Direttivo, entro 120 giorni dalla chiusura dell'esercizio sociale;
e- nomina il Collegio dei Revisori/Revisore Unico.

Art.16
Le Assemblee ordinarie sono valide in prima convocazione quando siano presenti almeno la metà più uno dei soci con diritto al voto; in seconda convocazione saranno sempre valide qualunque sia il numero dei soci presenti aventi diritto al voto e deliberano col voto favorevole della maggioranza dei soci presenti.

Art.17
L'Assemblea ordinaria è convocata dal Presidente almeno una volta l'anno per l'approvazione del bilancio consuntivo, mediante raccomandata, anche a mano, ovvero mediante e-mail, o fax, almeno 15 (quindici) giorni prima della data prevista.
L'Assemblea è convocata, inoltre, ogni volta che venga ritenuto opportuno dal Consiglio Direttivo o dalla Giunta, oppure da almeno un terzo dei soci. Le deliberazioni delle assemblee sono riassunte in un verbale sottoscritto dal Presidente e redatto da uno dei presenti indicato dal Presidente con funzioni di segretario. Il verbale può essere consultato da tutti i soci che hanno diritto di trarne copia, controfirmata dal Presidente.

Art.18
Le Assemblee straordinarie sono valide in prima convocazione quando siano presenti almeno i due terzi dei soci con diritto al voto, in seconda convocazione quando siano presenti almeno la metà più uno dei soci con diritto al voto e deliberano col voto favorevole della maggioranza dei soci presenti.
Spetta all'Assemblea Straordinaria deliberare sulle proposte di modifica dello Statuto. Lo scioglimento dell'Accademia e la devoluzione del patrimonio associativo sono deliberati dall'Assemblea Straordinaria con le maggioranze di cui appresso all'articolo 37.

COLLEGIO DEI REVISORI/REVISORE UNICO

Art.19
Il Collegio dei Revisori è nominato dall'Assemblea ordinaria dei Soci, in un numero di tre membri, che durano in carica per un triennio e sono rieleggibili. L'Assemblea dei Soci nomina il Presidente del Collegio dei Revisori.
Tutti i componenti del Collegio dei revisori devono essere iscritti nel Registro dei Revisori legali, istituito presso il Ministero dell'economia e delle finanze ai sensi del decreto legislativo n. 39/2010.Il Collegio dei Revisori verifica la corretta gestione sul piano economico-finanziario e controlla le operazioni intraprese dall'Accademia. In particolare, esprime il proprio parere sul rendiconto annuale dell'Accademia, prima che lo stesso venga presentato all'Assemblea per l'approvazione.

Art.20
Il Collegio dei Revisori ha i seguenti compiti:

- partecipa alle riunioni del Consiglio Direttivo e della Giunta, senza potere di voto;
- verifica la legittimità delle operazioni del Consiglio Direttivo e della Giunta;
- verifica periodicamente la cassa, dei documenti e delle registrazioni contabili con conseguente redazione del verbale;
- partecipa alle riunioni dell'Assemblea dei Soci;
- verifica i rendiconti annuali predisposti dal Consiglio Direttivo, prima della loro presentazione all'Assemblea, esprimendo il proprio parere.

Art.21
L'Assemblea può peraltro optare per la nomina del Revisore Unico che avrà gli stessi compiti del Collegio dei Revisori.

SEGRETARIO GENERALE

Art.22
Il Presidente nomina il Segretario Generale con le seguenti funzioni:

- è a capo della struttura di staff;
- è responsabile della struttura operativa dell'Accademia e risponde del suo operato;
- assicura l'attuazione dell'indirizzo, il coordinamento e lo svolgimento delle attività programmate;
- è responsabile del controllo e della gestione del bilancio;
- partecipa di diritto, senza facoltà di voto, alle riunioni dell'Assemblea dei Soci del Consiglio Direttivo e della Giunta;
- il Segretario Generale dura in carica quattro anni e può essere riconfermato.

PREMI DAVID DI DONATELLO

Art.23
I premi David di Donatello da assegnarsi annualmente sono:

a- ventidue Premi per il cinema italiano, compreso un Premio "David Giovani",
b- un Premio per il cinema straniero;
c- un Premio per il cinema dell'Unione Europea.

Art.24
I ventidue premi David di Donatello per il cinema italiano sono destinati:

- al miglior film
- alla migliore regia
- al migliore regista esordiente
- alla migliore sceneggiatura
- al miglior produttore
- alla migliore attrice protagonista
- al migliore attore protagonista
- alla migliore attrice non protagonista
- al migliore attore non protagonista
- al migliore autore della fotografia
- al migliore musicista
- alla migliore canzone originale
- al migliore scenografo
- al migliore costumista
- al migliore truccatore
- al miglior acconciatore
- al migliore montatore
- al miglior fonico di presa diretta
- ai migliori effetti digitali
- al miglior documentario
- al miglior cortometraggio
- David Giovani

Art.25
Il premio David di Donatello per il cinema straniero e quello per il cinema dell'Unione Europea, votati dalla Giuria ufficiale, sono destinati al miglior film.
Il premio "David Giovani" per il cinema italiano è destinato al miglior film ed è votato, con apposito Regolamento, da una Giuria di giovani delle scuole superiori e delle università.

Art.26
Il premio David di Donatello per il miglior cortometraggio italiano è votato da un'apposita Giuria nominata dal Presidente dell'Accademia che provvederà ad emanare apposito Regolamento.

Art.27
Concorrono ai Premi David di Donatello tutti i film italiani e stranieri usciti in Italia, in almeno 5 città capozona, con una tenuta minima di 7 giorni con programmazione piena, nel corso della stagione presa in esame, con le modalità e i termini stabiliti dal Regolamento della Giuria, approvato dal Consiglio Direttivo.

Art.28
La Giuria dei Premi David di Donatello (la "Giuria") è formata:

- dai candidati e dai premiati con il David di Donatello;
- dai componenti della Giunta;
- da esponenti della cultura, dell'arte, dell'industria, dello spettacolo, con particolare attenzione alle sue varie categorie tecniche e artistiche, e da personalità rappresentative della società italiana.
La sua attività si esplica in base ad un Regolamento proposto dal Consiglio Direttivo e approvato dalla Giunta.

Art.29
I Giurati sono nominati dal Presidente dell'Accademia a tempo indeterminato.
Qualora però come giurati non dovessero votare due volte di seguito, decadrebbero dal loro mandato, pur restando membri dell'Accademia.

Art.30
Le designazioni e le assegnazioni dei Premi David sono decise dalla Giuria con modalità e tempi diversi:

Una prima volta
a- Registi, attori e attrici, sceneggiatori, produttori, direttori della fotografia, montatori, fonici di presa diretta, scenografi, costumisti, truccatori, acconciatori, effetti digitali, musicisti, esercenti e distributori voteranno per tutti i Premi David di cui all'Art. 24) ad eccezione del cortometraggio e del David Giovani;
b- i rappresentanti dello spettacolo e della società civile voteranno per i registi, gli attori e le attrici, protagonisti e non, per il documentario di lungometraggio, per il film europeo, per il film straniero e per il miglior film;
c- possono votarsi anche più nomi per ogni singola categoria, se indicati sulla scheda di votazione trasmessa dall'Accademia, ad eccezione delle quattro categorie di interpreti a favore dei quali può indicarsi un solo voto per ogni singola candidatura. Salvo nel caso di interpreti che si propongano abitualmente in coppia o in trio.

Una seconda volta
sulla base delle cinquine così ottenute, i giurati di cui al punto a- e al punto b- voteranno con le stesse modalità della prima volta.

Art.31
La Giunta potrà assegnare tre David speciali con motivazione ed eventualmente un altro per il miglior operatore nel settore delle industrie tecniche.

Art.32
I Premi David di Donatello, che consistono in una riproduzione del David scolpito da Donatello, debbono essere ritirati di persona dai premiati nel corso delle manifestazioni destinate alla consegna.
Il Premio David per il miglior film italiano è consegnato al suo produttore.
In caso di impedimento, i David possono essere ritirati nel corso delle manifestazioni degli anni successivi o in altre manifestazioni appositamente indette dall'Accademia.

Art.33
I produttori e i distributori i cui film siano stati premiati a qualsiasi titolo con i Premi David sono invitati a citarli in tutta l'attività promozionale correlata alla vita del film.
I premiati sono caldamente sollecitati a consegnare a loro volta i premi David a chi li vincerà l'anno seguente.

PREMI VITTORIO DE SICA

Art.34
A norma dell'Art. 5), il Presidente, d'intesa con l'Associazione Culturale Pangea e con l'"Associazione Amici di Vittorio De Sica", autonomamente finanziate e organizzate, promuove ogni anno, in date da definirsi, i Premi Vittorio De Sica per il cinema, la cultura, le scienze, lo sport e la società.
Li assegnerà, con apposito Regolamento, una Giuria concordata con le due Associazioni.

PATRIMONIO E FINANZIAMENTO DELL'ACCADEMIA

Art.35
l patrimonio dell'Accademia è costituito:

- dai contributi dei soci che potranno essere richiesti in relazione alle necessità ed al funzionamento dell'Accademia;
- dai contributi di Enti Pubblici ed altre persone fisiche e giuridiche;
- da eventuali donazioni, erogazioni, lasciti;
- da ogni altra entrata pubblica e privata che concorra ad incrementare l'attività associativa.

Art.36
L'esercizio sociale coincide con l'anno solare, con inizio dal primo gennaio e termine al trentuno dicembre di ogni anno.
Data la natura dell'Accademia, ente non commerciale e senza fine di lucro, è fatto divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Accademia, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

SCIOGLIMENTO DELL'ACCADEMIA

Art.37
L'Accademia si scioglie:

1. quando il patrimonio è divenuto insufficiente rispetto agli scopi;
2. per le altre cause previste dalla legge (Art. 27 del Codice Civile).
Addivenendosi, per qualsiasi causa, allo scioglimento dell'Accademia, l'Assemblea straordinaria delibera lo scioglimento dell'Accademia e la devoluzione del patrimonio con il voto favorevole di almeno i 3/4 (tre quarti) degli associati.
L'Assemblea straordinaria oltre che deliberare lo scioglimento dell'Accademia provvede a nominare uno o più Liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione stessa.
La devoluzione del patrimonio sarà effettuata a favore di altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito, qualora richiesto per legge, l'organismo di controllo di cui all'art. 3, comma 190, della Legge 23 dicembre 1996, n. 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

NORME TRANSITORIE

Art.38
Le norme dello Statuto disciplinanti i sistemi di votazione sono applicabili anche ai componenti la Giuria nominati prima del 26 ottobre 2010, dato che in quella stessa data il Consiglio Direttivo all'unanimità aveva stabilito "di inserire d'ora in poi in Giuria solo ed esclusivamente i premiati e i candidati".
La Giuria potrà votare per i documentari di lungometraggio come disciplinato dall'Art. 30) e dal Regolamento a partire dal 2015 per la produzione 2014.

La prima Giunta è composta dai membri del Consiglio Direttivo dell'Accademia in carica alla data di approvazione del presente Statuto (a meno che i Presidenti dell'ANICA e dell'AGIS non desiderino effettuare delle sostituzioni dei componenti le loro pertinenze).